Il sasso del deserto

•giugno 23, 2016 • Lascia un commento

il sasso del deserto

Quando mi si chiese se vole ripartire per gli Stati Uniti con due amici, il primo pensiero è stato: rivedrò il phrynosoma! .
Soggetto simpatico e davvero interessante, le sue capacità mimetiche sono qualcosa di spettacolare, il suo adeguarsi al territorio in cui vive lo rende invisibile ai più, me in primis.
Osservato da vicino pare una macchina da guerra, con corazza e spine,  pronto ogni giorno alle sfide che il caldo e i predatori del deserto gli riservano, senza dimenticare che anche lui da preda sa diventare predatore. Impressionante come divora i suoi pasti preferiti, centinaia di formiche sono la sua passione ogni giorno, goffo nei movimenti ma velocissimo nel colpire.
Insomma, un’altra meraviglia della Natura.

I colori del deserto

•giugno 15, 2016 • Lascia un commento

 

pano3Se penso quanti km devo fare qui in Appennino, per trovare il posto giusto e la luce giusta, per portare a casa una foto nuova…

Se penso che questo scatto è stato fatto di fretta lungo una delle tante autostrade americane…
L’Italia, pur essendo uno dei territori più belli al mondo, fotograficamente parlando è e rimane molto complicata: troppa antropizzazione, troppa monotonia…
Sempre più spesso mi chiedo: ma vome si fa a competere con chi scatta oltre confine?
Qui siamo ai confini con il Messico, poco più la c’è la meta mai raggiunta per cause burocratiche, però non ci possiamo lamentare.
Un viaggio emozionante pieno di sfide e ricco di colori, come questo piccolo deserto al lato di una infinita strada…

Il perchè di una foto

•giugno 12, 2016 • 1 commento
Una foto semplice, normale, una comune pianta grassa (dal nome facile facile, Cylindropuntia echinocarpa) ripresa alle ultime, fredde luci dell’ultimo tramonto trascorso a girovagare nei deserti degli Stati Uniti. Se però non ci si limita a uno sguardo superficiale, osservando attentamente e senza fretta questa foto ci si rende conto che è sempre meglio essere sicuri di dove si cammina, nei deserti così come in tanti angoli del meraviglioso South-West americano. Il pericolo è sempre dietro all’angolo, peccare di superficialità e soffermarsi all’apparenza può costare caro…
_STE6810
Il crotalo è un animale meraviglioso, quando 3 anni fa lo incontrai per la prima volta ne rimasi affascinato, non so ma quando ne ho uno davanti tendo a vedere tutto pericolosamente facile, il ronzare dei sonagli mi lascia calmo e sicuro… col rischio di peccare della summenzionata superficialità.
Va beh, questa è la prima foto di un rinnovamento del blog, era ora che tornassi ad aggiornarlo.
 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: