Intimità di un faggio ( Luglio 2014 )

Un giretto nel cuore dell’appennino tosco emiliano.

In questi giorni camminare all’interno delle faggete, grazie alle incessanti piogge, è una gioia, una vera goduria olfattiva e visiva, il bosco è impregnato di odori, funghi, fioriture tardive, ed altro ancora.
Presenze evanescenti , come il passaggio di un gruppo di cinghiali che con il loro caratteristico odore selvatico hanno saturato tutta quella parte di bosco arata dal loro grifo ( sommità del muso ), segno caratteristico di quella ricerca incessante di tuberi ed agli che il sottosuolo ogni giorno gli dona.
La cosa più incredibile  però è il muschio, di un colore intenso che dipinge con il suo verde tutto il bosco.
Non è stato difficile entrare in sintonia con questo spettacolo naturale, tutto il silenzio attorno a me era contemplativo, bisognava solo aspettare l’idea o l’ispirazione giusta. Questa foto è nata così!
L’intimità di un faggio, questo è quello che mi sono sentito di fotografare quel giorno.
Il polarazzatore mi ha aiutato ad accentuare quel verde intenso, infatti in post produzione non ho dovuto saturare e con l’utilizzo di un obiettivo di qualità come l’85 pc-e Nikon, mi ha permesso di non abusare della nitidezza ( che lente! )
Buona gironata

intimità di un faggio

 

~ di viverelanatura su luglio 31, 2014.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: